FANDOM


"Altre persone sono venute...sono venute a darmi noia...non usciranno mai da qui"

Jedediah Friedman
FirstPlan.jpg
Nome: Jedediah Friedman
Data di nascita: 1890-1900 circa
Luogo di nascita: New York
Contaminazione: Endovenosa (pre parto), Ingestione
Resistenza: Molto Alta
Comparse: ObsCure II
Specialità: Nessuna (non giocabile)
Stato attuale: Deceduto

Jedediah Friedman è un antagonista e boss di ObsCure II. Rappresenta forse l'unico esempio di contaminazione tramite ingestione della Mortifilia.

CaratteristicheModifica

Chains.png
Jedediah Friedman è il deforme ed handicappato figlio di Leonard Friedman e di Elizabeth Wickson. D'indole agressiva e sociopatica si dimostra incapace di esternare i suoi sentimenti e le sue emozioni se non tramite la violenza. Tali comportamenti sono giustificati dalla sua infanzia particolarmente difficile: quando ancora era un feto gli vennero impiantati dei geni di Mortifilia dal padre Leonard, l'effetto della pianta fu responsabile di buona parte del carattere agressivo del ragazzo (causandogli frequenti incubi), oltre alla condizione di disabile dalla nascita. Benché fortemente disturbato, i genitori decisero di crescerlo ma a peggiorare la situazione psicologica di Jedediah fu l'assenza della figura paterna: Leonard, infatti, mutato dalla Mortifilia e divenutone la radice centrale al Liceo Leafmore poté vedere solo i primi anni d'infanzia del figlio, in seguito cresciuto dalla madre. Quest'ultima, nel tentativo di trovare una cura per Leonard assieme al fratello di questi Herbert, iniziò a trascurare il figlio che, quindi, crebbe da solo in una villa isolata sulla riva del lago della contea di Fallcreek. L'effetto della Mortifilia, tuttavia, diede a Jedediah la lungavita, il suo sviluppo, infatti, pare essersi fermato intorno al trentesimo anno. Senza mai allontanarsi dall'abitazione, Jedediah crebbe isolato dal mondo sino al 2003, quando sua madre morì nell'incidente del Leafmore e suo padre venne sconfitto dal gruppo di studenti sopravvissuti all'incidente. Proprio in quel periodo molti ragazzi iniziarono a frequentare le varie sponde di Turtle Stone Island e Jedediah, provando un forte risentimento nei confronti dell'umanità, iniziò a recarvisi per mietere vittime armato di una motosega. Non vedendo più la madre tornare a casa l'erede dei Friedman si avventurò per il mondo tramite un condotto minerario che dalla cantina della sua casa d'infanzia portava direttamente ai sotterranei del liceo. Nell'edificio erano oramai iniziati i lavori di demolizione, così Jedediah ne approfittò per esplorare l'area indisturbato; fu allora che ritrovò il corpo di suo padre Leonard, ferito ma ancora vivo. Il ragazzo iniziò così a curare il padre sostenendo che questi "sognasse" e permettendo che le sue radici si espandessero nel sottosuolo, facendo sbocciare i loro fiori carichi di spore in tutta la contea. Coltivando e nutrendosi di tali fiori, Jedediah incrementò inconsciamente la sua agressività e, durante la notte, iniziò a visitare i boschi della contea dove si mise a rapire giovani studenti avventuratisi nella boscaglia per torturarli, fare a pezzi i loro corpi e darli come nutrimento a Leonard.

Benché sfigurato ed incapace di esprimersi, l'erede della famiglia Friedman gode di una grande forza fisica e, per combattere, si avvale del supporto di una motosega. Malgrado sia infetto dalle spore di Mortifilia, il suo corpo non ha subito alcuna grottesca metamorfosi comune alle altre creature, è probabile quindi che il suo fisico, infettato dai geni della Mortifilia prima ancora del parto, abbia avuto modo di svilupparsi entrando i simbiosi con la pianta, impedendole quindi di tramutarlo in un mostro. Durante la sua boss-fight attaccherà frontalmente i protagonisti cercando di sfregiarli con la lama della motosega o di spingerli a terra con una spallata. Una volta infertigli danni a sufficienza questi si ritirerà tra i rami di suo padre Leonard dove recupererà, piano piano, la salute. Le armi più efficaci contro Jedediah sono (come per ogni prodotto della Mortifilia) quelle a base di luce, benché egli non sia protetto da alcuna aura oscura. Le armi da fuoco rappresentano una valida alternativa poiché l'unico modo di Jedediah di arrecare danno è a distanza ravvicinata.

ObsCure IIModifica

Fallcreekinquirer.jpg

Il Fallcreek Inquirer con un articolo su Jedediah

Dopo aver cominciato a curare ciò che rimaneva di Leonard, Jedediah si mise a rapire giovani studenti e coppiette nei boschi di Fallcreek. Nel giro di un anno ben sette casi furono registrati nella cronaca locale ma le autorità non riuscirono mai ad identificarne il responsabile. La notte del 23 Febbraio 2005, Jedediah, vagando nel bosco con una vittima appena catturata rinchiusa in un sacco, viene visto da Amy Brookes e Corey Wilde, inoltratisi nella foresta per inseguire la macchina di quest'ultimo, rubatagli alla sede della ΔΘГ. Riusciti a nascondersi, i due ragazzi non attirano l'attenzione di Jedediah che prosegue così per la sua strada rientrando nella sua abitazione sulle rive del lago. Poche ore più tardi Sven Hansen ed Amy entrano nella serra della casa sperando di trovarvi rifugio dalla massiccia infezione che si è propagata per tutta la contea. Jedediah li attacca ma viene trattenuto da Sven mentre la ragazza corre a nascondersi. Riuscito a stordire il ragazzo, Jedediah lo trascina nella sua cantina dove lo appende ad un gancio per la carne e lo tortura a colpi di motosega. Carnefice e vittima vengono poi raggiunti dagli amici di quest'ultimo che, giunti troppo tardi, hanno solo il tempo di veder perire Sven, massacrato dalle torture. Jedediah fugge per il condotto minerario sotto casa sua, prontamente inseguito da Shannon Matthews e Stanley Jones. I ragazzi si riuniscono dall'altro capo del tunnel: il Liceo Leafmore, ormai in demolizione. Jedediah, intanto, approfittando della sua profonda conoscenza del luogo, discende nel sotterraneo ove risiede suo padre ma viene raggiunto di lì a poco da Corey e Stan, desiderosi di vendicare l'amico torturato. I due studenti affrontano così Jedediah e ciò che resta di suo padre, riuscendo ad uccidere quest'ultimo a colpi di motosega elettrica. Jedediah, provocato da Corey per la morte di Leonard, attacca con tutta la sua rabbia e si confronta con il giovane skater a colpi di motosega. Viene dunque spinto a terra e dilaniato con la lama elettrica mentre urla in preda al dolore.

CuriositàModifica

-Jedediah rappresenta una palese citazione dell'assassino cinematografico Leatherface della saga di Non aprite quella porta. Oltre ad essere ambedue sfigurati in volto, entrambi uccidono con l'ausilio di una motosega, inoltre le loro torture sono molto somiglianti. In particolare la tortura di Sven Hansen richiama molto quella di Andy nel remake della saga Non aprite quella porta del 2003.

-Il mostro che si vede nel cimitero nel sogno di Corey è probabilmente la versione Beta di Jedediah. Nei trailer, tuttavia, si possono vedere alcune scene di uno scontro con il nemico in un mattatoio, mentre gli si impedisce di segare in due una ragazza rinchiusa in un sacco, ciò può far presupporre che vi sarebbe stata un'altra boss-fight nella versione Beta. Oppure il mostro nel sogno è solo parte dell'incubo evocato dal subconscio di Corey e ci si sarebbe dovuti confrontare con lui in sostituzione della sala del fiore di Amy.

GalleriaModifica

ObsCure II

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale